Teléfono:
Teléfono:
Chiamate Internazionali:
Contattaci
Offerta speciale - Prodotti Miglior prezzo
Offerta speciale - Prodotti
Miglior prezzo

Offerta Cialis Originale
Acquistare ora
Importo totale $ 0.00
Il tuo ordine 0 items
Importo totale
$ 0.00
Il tuo ordine
0 items

Effettuare l'ordine

Mistero: sindrome dell'intestino irritabile o colon, sintomi e trattamento

Cos'è la sindrome dell'intestino irritabile?

La Sindrome dell'intestino irritabile (IBS), chiamata anche colite, è una malattia dell'intestino, classificata come una malattia cronica, in cui l'assorbimento delle sostanze nutritive e il processo di digestione sono alterati.

È importante stabilire che le donne tendono ad essere più vulnerabili a questa condizione, peggiorando durante le mestruazioni. Inoltre, è importante stabilire che la diagnosi può essere eseguita monitorando i segni che il paziente sta esibendo per un periodo di tempo.

Inoltre, essendo classificata come una malattia cronica, significa che la sua cura è difficile e quasi impossibile, ma i suoi sintomi sono controllabili e potrebbero non essere presenti tutto il tempo, ma a intermittenza.

Cause della sindrome dell'intestino irritabile 

Questo disturbo della sindrome dell'intestino irritabile non ha ragione o una causa unica, essendo stata identificata una grande varietà di fattori che possono svolgere un ruolo importante nell'infiammazione.

Ecco come, da un lato, c'è una comunicazione carente tra il cervello e l'intestino, che potrebbe causare una decelerazione nel processo digestivo e, quindi, sortire effetti negativi sull'intestino.

Altri dicono che allergie e intolleranze ad alcuni alimenti, alcuni batteri che rendono la loro presenza nel sistema digestivo e certi disturbi mentali, come la depressione e alti livelli di stress, potrebbero aumentare il rischio di soffrire di sindrome dell'intestino irritabile.

Sintomi dell'intestino irritabile 

I sintomi dell'intestino irritabile sono considerati particolarmente negativi, fastidiosi e dolorosi per il paziente, principalmente perché oltre ai segni che condivide con altre malattie legate al sistema digestivo, ne presenta alcuni completamente unici.

Da un lato, i primi sintomi dell'intestino irritabile si concentrano sul dolore addominale e sulla sensazione di pienezza legata alla cattiva digestione.

Tuttavia, a questo viene aggiunto un grande gonfiore nella zona addominale, insieme a cicli di stitichezza e diarrea, che nella maggior parte dei casi tendono ad alternarsi.

A parte questo, in molte occasioni, questo tipo di male può essere combinato con episodi di emicrania e asma.

Questo particolare disturbo è capace modificare completamente il comportamento del paziente, ostacolando la capacità di seguire la normale giornata.

Come si evita l'intestino pigro? 

È dovuto al fatto che la causa della sindrome dell'intestino irritabile non è stata finora scoperta, il che rende impossibile prevenirla. Tuttavia, medici specialisti della zona affermano che alcune misure possono essere seguite per ridurre le possibilità di soffrire di un intestino pigro.

Una dieta bilanciata che contiene i principali gruppi alimentari, che offre all'organismo il maggior numero possibile di sostanze nutritive, contribuirà a mantenere sani i tessuti intestinali e faciliterà il rispetto delle loro funzioni.

Alimenti che riducono o evitano 

Prendendo in considerazione quanto precedentemente specificato, si consiglia di:

  • Evitare tutti i cibi ricchi di fibre insolubili, che costringono l'intestino a lavorare di più; come per esempio, cereali integrali. Inoltre, si raccomanda di aumentare il consumo di fibre solubili come fagioli e lenticchie, insieme ad alcune verdure
  • Ridurre e persino eliminare il fruttosio e decidere di consumare gli zuccheri naturali presenti nei frutti. 
  • I grassi rimangono uno dei principali nemici della salute, in particolare il sistema digestivo e circolatorio, quindi, è anche legato all'intestino pigro.

Trattamento dell'intestino irritabile 

Dieta raccomandata

Il trattamento dell'intestino irritabile di solito si concentra sul cibo, mantenendo una dieta priva di grassi, ridotta in zucchero, ricca di vitamine e accompagnata da grandi quantità di liquidi, soprattutto acqua.

In questo modo, in particolare, si consigliano frutta come mele e pere, noci; latticini come yogurt, latte e formaggio; il grano e i piselli. Questi elementi fanno parte della dieta FODMAP, che può essere tradotta in oligosaccaridi, disaccaridi e monosaccaridi e polioli fermentabili.

Oltre a questo, è utile considerare il mantenimento di una regolarità quando si mangia e quando si defeca, insieme con un aumento della frequenza di esercizio.

Farmaci 

A volte, i cambiamenti nella routine quotidiana potrebbero non essere sufficienti, rendendo necessario accompagnare i cambiamenti della dieta con farmaci che si concentrano sull'offerta di alcuni elementi del corpo come la fibra.

Separatamente, l'intestino irritabile può essere trattato con da lassativi, probiotici, antidiarroici, spasmolitici, antidepressivi.